SUSSURRI A MEZZANOTTE

Blog

I processi inconsci della mente umana hanno la capacità di influenzare il pensiero, il comportamento e l’iterazione di un individuo nei confronti di altre persone?

Oppure viceversa, ogni singola esperienza quotidiana, ogni immagine, ogni percezione, qualsiasi sensazione conscia che viviamo durante la nostra esistenza esercita un certo influsso sul livello inconscio ed ignoto delle nostre attività cerebrali?

Quale romanzo meglio di IT di Stephen King arriva a cogliere, descrivere ed analizzare, con un dettaglio quasi da lasciare senza fiato il lettore, le emozioni più profonde di un essere umano?

Un romanzo nel quale, una figura da sempre controversa ed ambigua come un clown diventa il fulcro di tutte le paure e di tutte le ansie di due generazioni apparentemente agli antipodi tra loro; bambini e adulti (quegli stessi bambini che a distanza di un quarto di secolo si ritrovano nel pieno della loro maturità) sono costretti a scavare nel buio più profondo delle proprie emozioni per trovare nell’amicizia, nell’unione e nella forza d’animo il coraggio per combattere non solo le proprie paure interiori, ma anche le contraddizioni e le suggestioni evocate dal mondo esterno.

Finalmente ci siamo, il Natale è davvero alle porte.

Nell’augurarvi di passare delle buone e serene festività, vorrei questa volta menzionare non un libro, bensì un film, per la precisione un film animato, una di quelle pellicole che in questo periodo dell’anno hanno la forza di riavvicinare le persone, di farle rannicchiare su un divano e di farle astrarre dalla vita di tutti i giorni proprio come farebbe un buon libro. Del resto, il film di cui stò parlando è tratto proprio da un grande racconto di un grandissimo scrittore dell’800.

Sono orgoglioso di segnalare che il romanzo UN DOLORE OSCURO è disponibile anche presso gli e-store delle Librerie Giunti, collegandosi all’indirizzo http://www.giuntialpunto.it/ All’interno del campo di ricerca è sufficiente digitare il titolo dell’opera oppure il nome GIUSEPPE CALZI. 

Un rinnovato saluto a tutti.

Propongo in questo articolo un qualcosa di davvero interessante, un modo alternativo per conoscere le mie idee, la mia passione, il mio stile. Vi sottopongo un breve estratto della mia intervista del 15 dicembre 2015, rilasciata all’amica e collega Stefania Romito e disponibile in versione integrale sul suo blog, all’indirizzo:

https://stefaniaromito67.wordpress.com/intervista-a-giuseppe-calzi

Non aggiungo altro, e lascio che siano le domande di Stefania e le mie risposte ad aprire un sentiero che vi accompagni attraverso alcune delle mie sfaccettature.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.